mercoledì 8 aprile 2015

LA NUOVA SUPER-ARMA DI PUTIN: IL CARRO ARMATO PIÙ EFFICACE DEL MONDO?


Perché i carristi occidentali dovrebbero preoccuparsi dei nuovi carri armati di Mosca
Franz-Stefan Gady The Diplomat 2 aprile 2015
La Russia illustrerà il suo nuovo carro armato nella parata della Vittoria sulla Piazza Rossa di Mosca, il 9 maggio. 20 unità del primo carro armato di terza generazione prodotto in serie, designato T-14 e basato sul nuovo scafo universale “Armata“, sono stati recentemente consegnati alle Forze armate russe per l’addestramento. Entro il 2020, Uralvagonzavod (UVZ), il maggiore produttore di carri armati nel mondo, prevede di produrre 2300 T-14 Armata. Secondo i media, le consegne del carro armato (circa 500 all’anno) inizieranno nel 2017. In totale, le Forze terrestri russe hanno in programma di ricevere 32 carri armatiArmata per quest’anno. L’esercito russo si propone di sostituire il 70 per cento dei suoi corazzati con il nuovo cingolato, sostituendo i più vecchi carri armati T-72 e T-90, anch’essi prodotti da UVZ. L’esercito russo prevede uno scafo universale come piattaforma di ben 13 cingolati diversi, tra cui un semovente di artiglieria, un veicolo corazzato del genio e un trasporto truppe corazzato.

Quali sono le specifiche tecniche del carro armato? Secondo il Foreign Military Studies Office (FSMO) di Fort Leavenworth, Kansas: “L’armamento principale del carro è il cannone ad anima liscia da 125mm 2A82, in grado di sparare munizioni esplosive, perforanti a distacco di sabot, missili, a carica cava e altri tipi di munizioni. Il T-14 è equipaggiato con il motore diesel a X Cheljabinsk A-85-3A da 1500 CV. Inoltre ha anche un sistema di controllo delle informazioni (TICA) che controlla tutti i gruppi, componenti e sistemi di bordo, ed analizza i malfunzionamenti”. La potenza alla volata del cannone ad anima liscia da 125mm 2A82 è maggiore di quella del cannone Rheinmetall da 120mm del tedesco Leopard-2, secondo i media. Il carro armato vanta anche sistemi di puntamento e di caricamento delle munizioni completamente automatizzati ed informatizzati. Il rapporto del FSMO continua: “Il carro armato T-14 sarà dotato di una sospensione in grado di adattarsi a vari rilievi, tipi di terreno e alla velocità del veicolo, con conseguente maggiore velocità delle colonne, anche su terreno accidentato. Il sistema di sospensione allevierà anche la stanchezza dell’equipaggio, mentre il sistema di controllo del tiro l’assiste nel fornire un tiro preciso durante i movimenti”. L’articolo rileva inoltre che, “a differenza dei precedenti veicoli sovietico-russi, la sicurezza (sopravvivenza) e comodità dell’equipaggio saranno più considerati. L’equipaggio sarà in una capsula blindata un po’ più capiente rispetto agli altri/carri armati sovietico-russi“. Secondo RT, “la torretta del carro armato sarà anche dotata di un’arma d’accompagnamento da 30mm, per affrontare diversi obiettivi tra cui aeromobili a bassa quota, come aerei d’attacco ed elicotteri. Una mitragliatrice pesante da 12,5mm montata in una torretta potrà affrontare proiettili in arrivo, come i missili anticarro, neutralizzandoli mentre si avvicinano alla velocità di 3000 metri al secondo“.

Cosa rende il nuovo carro armato della Russia così speciale? In primo luogo, il sistema di difesa attiva merita particolare attenzione. È un sistema di difesa antiproiettile ed antimissile individuale, che potrebbe intercettare qualsiasi tipo di munizione anticarro. “Difende il veicolo dagli attacchi, anche aerei. Pertanto, anche il più moderno elicottero Apache non avrà la probabilità di distruggere al 100 per cento un T-14 con i suoi missili. La difesa attiva è situata a vari livelli lungo il perimetro della torretta, garantendo protezione completa agli elementi più importanti del carro armato“, secondo il rapporto del FSMO. In secondo luogo, la posizione dell’equipaggio è alquanto unica per un carro armato russo (come nei veicoli senza equipaggio e torretta telecomandata): “L’equipaggio di tre uomini si trova in una capsula blindata nella porzione anteriore dello scafo. Secondo gli specialisti, la protezione anteriore è multistrato, una blindatura combinata che può sopportare il colpo diretto di qualsiasi tipo di proiettile esistente, compresi a freccia e a doppia carica cava”.
Il settimanale tedesco Der Stern nota sul T-14 Armata: “Un carro armato assolutamente innovativo cui certamente non tutti gli eserciti del mondo possono vantare. Il carro armato tedesco Leopard-2 fu sviluppato 35 anni fa, proprio come lo statunitense M1 Abrams. Le versioni attuali dei carri armati occidentali dispongono di molti miglioramenti, ma le caratteristiche di base non differiscono molto dalle originali. L’Armata è il primo vero nuovo carro armato costruito dopo il crollo dell’Unione Sovietica”. Il Foreign Military Studies Office sottolinea ulteriormente: “Per apprezzare l’innovativa progettazione e realizzazione tecnica dei costruttori di carri armati russi, un fatto piuttosto recente, ma classificato, va ricordato. Si è scoperto che è più difficile progettare e realizzare un nuovo carro armato che un nuovo velivolo. I caccia di quinta generazione già volano, ma solo carri armati di seconda generazione si trovano negli arsenali di tutto il mondo. Così l’Armata diverrà il primo carro armato di terza generazione prodotto in serie (anche se c’è chi avrà il coraggio di indicarlo di quinta generazione)”.
Naturalmente, tutti questi articoli vanno presi con cautela, e fin quando il carro armato sarà accuratamente esaminato in azione, sapremo assai poco delle sue genuine capacità.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora


Fonte: stopeuro.org


Archivio blog