mercoledì 1 giugno 2016

Allarme terrorismo : sono già in circolazione 5.000 terroristi del Daesh in Europa


x
L’ex capo dei servizi di intelligence della Bulgaria ha lanciato l’allarme sulla presenza in massa di terroristi salafiti, appartenenti al gruppo dell’ISIS (Daesh in arabo) che si sono infiltrati in Europa attraverso la Turchia.
“Tra 4000 e 5000 componenti delle organizzazioni estremiste dell’ISIS circolano nel territorio dell’Europa”, ha avvisato il generale Kircho Kirov, nel corso di una intervista rilasciata il Lunedì attraverso il canale radio romeno Radio Focus.
Il generale ha spiegato che i terroristi sono riusciti ad infiltrarsi in Europa tanto mescolandosi nei flussi migratori come anche attraverso i canali di spostamento standard, per poi sottolineare che la estensione dei visti d’ingresso per i cittadini turchi comporterebbe serie minacce per i paesi dell’Unione Europea.
Con l’abolizione dei visti, ha aggiunto che dalle 300.000 alle 350.000 persone circa, quelle che hanno ottenuto passaporti o carnet di identità turchi, avranno l’opportunità di attraversare la frontiera con la Bulgaria.
Secondo Kirov, “in questa enorme massa di cittadini turchi di origine estera senza dubbio vi sono persone coinvolte in organizzazioni terroriste come lISIS. il Fronte Al Nusra (filiale di Al Qaeda) ed altre di queste”.
L’ex capo dei servizi di intelligence ha dichiarato che sarà un problema urgente di esercitare la vigilanza su queste persone, sarebbe questo un compito prioritario di tutti i servizi di intelligence degli Stati membri della UE, in specie la Francia, l’Italia e la Bulgaria, alla luce dei prossimi eventi dell’Eurocoppa del 2016.
Nota: La Federica Mogherini, assieme alla Angela Merkel, a Donald Tusk, a Jean C. Junker ed agli altri funzionari europei, sta metttendo a punto il piano per consentire al Governo turco di far entrare liberamente i cittadini turchi in Europa senza visti di ingresso, oltre a far pervenire alle autorità turche il pagamento di sei miliardi che lo stesso premier Erdogan ha sollecitato all’Unione Europea ed accelerare le procedure di ingresso della Turchia nella UE.
Erdogan ha fretta di concludere, già l’anno scorso aveva promesso ai suoi cittadini che “si avvicina la conquista dell’Europa da parte dell’Islam attraverso l’emigrazione di massa….. “, vedi: Erdogan auspica in pubblico il ritorno dell’Impero Ottomano
Il turco non vuole deludere i suoi sostenitori e preme sulle autorità europee per ottenere quanto concordato. D’altra parte i funzionari della UE sanno che, non ottemperando le richieste di Erdogan, questi è capace diinondare l’Europa con due milioni di pofughi attualmente accampati nei campi per rifugiati allestiti in Turchia, dove nel frattempo fa lavorare come schiavi i cittadini siriani rifugiati, inclusi i bambini. Vedi:  “….Bimbi schiavi nelle fabbriche”.
Alfano e Renzi sono stati anche loro informati del prossimo pericolo incombente sull’Europa ma hanno risposto a modo loro: Renzi ha dichiarato che “non bisogna prestare fede ai gufi” ed Alfano ha fatto seguito dicendo che “non è una emergenza e non ci sono problemi di sorta”. Gli italiani potranno dormire sonni tranquilli e continuare a seguire le “appassionanti” polemiche sulle riforme costituzionali  e le prossime cronache dei “mondiali  di calcio”.
Fonte: Hispan Tv

Traduzione e niota; Luciano Lago

Fonte: controinformazione.info

Archivio blog